MEZZO LIMONE SULLA SPIAGGIA

Autore: Serena Toniolo

Ho salutato Procida l’ultima mattina prestissimo camminando con una cara amica lungo la spiaggia della Chiaiolella affondando i piedi nella sabbia scura mentre la marea piano piano saliva.

I nostri sguardi da mapper insieme alle ultime chiacchiere si sono posati ora sui faraglioni, sugli strati lavici ora sulle ferite inferte a quella bellezza dall’uomo. In questo osservare, lungo la spiaggia, abbiamo incontrato due scarpe, nuove, spaiate, orientate in direzioni diverse e un limone, tagliato a metà appoggiato sulla sabbia con la naturalezza di chi è perfettamente a suo agio in quel luogo.

Con queste due immagini negli occhi ho fatto il viaggio di ritorno metabolizzando questi quattro giorni lontani dal “quotidiano”

Procida mi ha regalato

  • paesaggi naturali ricolmi di pace
  • scorci colorati perfetta sintesi della diversità che si completa
  • gesti di condivisione
  • sentimenti di amore per una terra che è isola e lega profondamente i suoi abitanti
  • sorrisi aperti e abbracci
  • occhi colmi di lacrime, di emozioni, di gioia ma anche di fatica e frustrazione

Procida mi ha insegnato

  • che si è comunità quando si costruisce qualcosa insieme
  • che ogni punto di vista è bello proprio perché diverso
  • che ogni scorcio, anche il più strano, ti lascia dentro qualcosa
  • che ogni difficoltà genera soluzioni
  • che i ragazzi fanno i ragazzi e gli adulti devono fare gli adulti
  • che non c’è sperimentazione senza errori e senza errori non c’è crescita
  • che ci deve essere una fine per gustare appieno tutto quello che si è vissuto e ripartire con nuovi orizzonti
  • che scarpe diverse possono decidere di prendere direzioni diverse ma restare nello stesso spazio in sintonia
  • che anche mezzo limone sulla spiaggia non è lì per caso ma, racconta che tutto è parte del paesaggio, che ognuno di noi in ogni luogo e in ogni momento è osservatore e attore della realtà che lo circonda, che tutto…è MAB

    Autore
    Serena Toniolo
Condividi su